Trail Val di Bisenzio

Il TVB raccontato da una delle nostre scope: la mitica Barbara Zimei

Questa edizione ha avuto inizio ben prima che arrivassi al CSN, bensì è iniziata appena mi sono svegliata. Un ritorno alla voglia di correre tutti insieme, ritrovarsi, viaggiare e rivivere i nostri bellissimi sentieri.

Al ritiro pettorale è come fosse Natale. Tutti a salutarci con immensi sorrisi e abbracciarsi forte, come per dirci " ci siamo". Linea di partenza, il cuore batte, Sì lo so, penso, è un sentiero tecnico, quasi lunare, vedrò dei paesaggi unici. Qui, dove una gran parte del comprensorio di Galceti si trova in tante piazze d'Italia sotto forma di arte e abbellimento di chiese.

Si parte! Singletrack subito, il cuore batte, i muscoli si attivano, la mente è attenta, gli occhi assorbono ogni paesaggio. Sali, scendi. Si alternano discese e salite tecniche... Corro lateralmente al fiume nella sua direzione di scorrimento. E poi sbuco alle Cave Wow!!!

Sembra di essermi teletrasportata, ma questi paesaggi sono dietro all'angolo di casa mia! Mancano circa 5 km, sembra finita la fatica. Ma salgo per le gobbe: il Mezzano, il Ferrato, e l'unica cosa che vedo a causa della pendenza sono i miei copri braccia. E penso: "sto percorrendo il disegno dei miei braccioli!" Bellissima sensazione.

Dal punto più alto del monte vedo alla mia sinistra la calvana... in lontananza Firenze e sotto di me Prato. A soli 400 metri di altezza sembra di poter volare su tutta la piana fiorentina.

Il mio cuore batte! 2 km... l'arco dell'arrivo mi aspetta... Ma sotto di me ancora quella pietra scura , dura , ricercata , scelta apposta per le piazze italiane... Eh sì: è stato un viaggio di 19 km con 1000 metri di dislivello positivo.

FOTOGALLERY      - - - - - - -     CLASSIFICA FINALE 19 km

Lascia i tuoi commenti

Commenti

  • Nessun commento trovato